Multiethnic People Social Networking with Digital Devices

Generazioni a confronto. Chi passa più tempo sui social network?

L’utilizzo dei social media non si ferma, ogni anno ricopre un ruolo sempre più importante nella nostra vita e da qualche anno anche nelle strategie di marketing. Per le aziende i social media sono una delle più grandi opportunità di business perché grazie a questi strumenti sono in grado di connettersi direttamente con lo sconfinato mondo dei consumatori. Per questo i dati raccolti da Nielsen, la multinazionale statunitense specializzata in ricerche di mercato, sono molto interessanti per le scelte strategiche delle società.

Chi ha usato di più i social nel 2016?
Che domanda facile! Ma non è proprio così, anzi, la risposta non è per niente scontata. Sono sicuro che avrai subito pensato ai Millennials, coloro che sono nati o anche solamente cresciuti con le nuove tecnologie. Non sono loro gli utenti maggiormente partecipi della rivoluzione social. Si hai capito bene, la risposta è sbagliata. Secondo il “Social Media Report 2016” condotto da Nielsen, è la Generazione X, ovvero quegli utenti di età compresa tra i 35 e i 49 anni, a passare più tempo sui social network. Le statistiche parlano di 6 ore e 58 minuti alla settimana contro le 6 ore e 19 minuti dei Millennials.

Il dato però non è così sorprendente perché si deve a questa fascia di utenti lo sviluppo del web, a pensarci bene Google e Yahoo! li hanno creati loro. È grazie ai Gen X che esistono i nativi digitali, cioè la maggior parte dei Millennials che a oggi rappresentano un quarto della popolazione mondiale, vale a dire 1,7 miliardi di persone. Gli inserzionisti sono ossessionati dai Millennials ma, secondo i dati forniti da questo report, dovrebbero tenere più in considerazione la Generazione X. Gli utenti che utilizzano di più i social media sono anche i più esposti alla pubblicità.

Le donne, infatti, trascorrono sui social media circa il 25% del loro tempo online, mentre gli uomini il 19%. Un altro dato importante è l’orario in cui si utilizzano di più queste nuove piattaforme digitali: per le donne sembra che Facebook sia ampiamente utilizzato in prima serata e la domenica mattina. Scoprire chi utilizza maggiormente i social network è un molto utile per ipotizzare una strategia per entrare più facilmente in contatto con loro.

Che cosa fanno gli utenti sui social?
Anche in questo caso il dato è molto interessante, infatti, il 39% degli utenti crede che scoprire nuovi prodotti e servizi sia parte integrante dell’utilizzo dei social network. Questo vuol dire che un’ampia fetta di utilizzatori dei social si aspetta le inserzioni pubblicitarie e si dice disposto a valutarle e a prenderle in considerazione.

Il compito dei social dovrebbe essere anche quello di rafforzare il legame tra brand e utenti sostenitori. In parte ci stanno riuscendo, ma il lavoro da fare deve essere ancora più incisivo. Basti pensare che il 29% dell’utenza sostiene che seguire i propri brand preferiti sia fondamentale. Per le aziende e gli inserzionisti è fondamentale andare a catturare l’attenzione dei loro clienti e soprattutto di quella fascia di pubblico potenzialmente interessata ai loro prodotti e servizi.

Questa relazione è utile per conoscere la propria audience, intercettarne il momento di massimo interesse e con quale piattaforma raggiungerla. Comprendere gli interessi del proprio pubblico è assolutamente il modo più efficace per avviare una strategia comunicativa e pubblicitaria che possa davvero portare alla soddisfazione dei bisogni del pubblico.

Commenti